Fedriga: «La lista Cosolini antepone gli immigrati alla tutela dei triestini»

 Trieste, 14 aprile 2011

«I triestini prendano atto che una delle priorità della lista Cosolini è agevolare l’arrivo di nuovi immigrati in città.»


Il segretario provinciale e candidato sindaco della Lega Nord on. Massimiliano Fedriga risponde così alle dichiarazioni del consigliere comunale Alfredo Racovelli, Verde oggi candidato nella civica di centrosinistra.
«La sinistra conduce battaglie ideologiche sulla pelle dei nostri concittadini –attacca Fedriga-. Trieste è infatti la provincia più piccola d’Italia e in quanto tale non è assolutamente idonea a ospitare campi di accoglienza per i profughi nordafricani. Allestirne uno sul nostro territorio significherebbe collocarlo a ridosso di centri abitati, mettendo così a repentaglio la sicurezza dei residenti.»
«Trovo inoltre curioso che Cosolini, ex assessore regionale al lavoro, da un lato affermi di avere a cuore l’occupazione dei nostri giovani e dall’altro si esponga a favore di nuovi flussi migratori: è un atteggiamento contraddittorio, che evidenzia l’incapacità della sua parte politica di fornire risposte concrete ai problemi delle persone.»
Leggi tutto...
 
Fedriga: «Stop a mendicanti e venditori abusivi»
Trieste, 12 aprile 2011 
 
«Più controlli per la sicurezza e la qualità della vita.»
 
Il segretario provinciale e candidato sindaco della Lega Nord on. Massimiliano Fedriga raccoglie così il pressante appello di molti cittadini, che da anni lamentano l’aggressività e l’insistenza di un numero crescente di commercianti improvvisati e di finti mendicanti.
«Il problema va letto sotto diversi aspetti –spiega il deputato-. Anzitutto sotto quello della legalità, che richiede un’intensificazione dei controlli da parte della polizia locale per portare allo scoperto chi esercita in assenza di licenza o in zone non conformi e chi lo fa senza nemmeno avere il permesso di soggiorno.»
«In secondo luogo, è importante che la voce dei triestini abbia un suo peso all’interno dell’amministrazione comunale. Il fenomeno è riscontrabile in tutti i rioni e non solo nel centro storico: introdurre limitazioni nelle sole vie adiacenti a piazza Unità sarebbe pertanto quantomeno riduttivo.»
Leggi tutto...
 
Incontro pubblico sui temi della disabilità e della disoccupazione
Trieste, 17 marzo 2011 - Incontro pubblico

Si rende noto che lunedì 21 marzo alle ore 18 avrà luogo, presso l’hotel Città di Parenzo di via degli Artisti 8, un incontro pubblico sui temi della disabilità e della disoccupazione. L’appuntamento, promosso dalla Lega Nord Trieste e aperto a tutti cittadini, ha l’obiettivo di illustrare ai triestini l’impegno del partito in tema di politiche sociali. Sarà presente, tra gli altri, anche il segretario provinciale on.Massimiliano Fedriga.



 
Fedriga: «Critiche senza senso, Cervesi e Rosolen dimostrano la loro impreparazione»

Trieste, 10 marzo 2011 – COMUNICATO STAMPA

«Le critiche di Rosolen e Cervesi all’operato di Federica Seganti sono del tutto fuori luogo e manifestano una notevole impreparazione.»

Il segretario provinciale e deputato della Lega Nord Massimiliano Fedriga prende posizione a difesa dell’assessore regionale al Turismo, accusata dai bandelliani di aver preferito l’erogazione di finanziamenti a Udine anziché a Trieste.
«Niente di più falso –ribatte l’onorevole-. Rosolen e Cervesi forse non sanno che i soldi di cui stiamo parlando riguardano la legge regionale 12/2006, che sostiene “progetti mirati, iniziative e promozione turistica”. Ciò significa dunque che l’accesso a questi fondi, che peraltro proprio grazie all’impegno del nostro assessore sono stati aumentati di ben 300mila euro rispetto al 2010, è vincolato alla presentazione di specifici progetti. Non sono pertanto soldi pubblici destinati a un uso discrezionale da parte dell’amministratore, ma sono invece soggetti a un iter molto puntiglioso per la verifica dell’ammissibilità delle richieste. Se la Provincia di Trieste ha deciso di non fare domanda per l’accesso a questo tipo di finanziamenti, la colpa non è della Seganti bensì dello stesso ente che, alla luce dei fatti, non ha a cuore lo sviluppo del territorio.»
Leggi tutto...
 
Garantire sostegno alle imprese del territorio
Trieste, 4 aprile 2011 - SEGNALAZIONE
 
Garantire sostegno alle imprese del territorio e favorire lo sviluppo di nuove attività produttive attraverso una serie di sgravi fiscali e agevolazioni: questa è la risposta della Lega Nord alle chiusure, alle cassintegrazioni e ai licenziamenti che da troppo tempo condizionano anche il quadro economico locale. È chiaro, e va sottolineato fin da principio, che le misure di cui l’amministrazione comunale può disporre per far fronte a queste situazioni sono piuttosto limitate. Ciononostante, è opportuno che ogni ente pubblico giochi le proprie carte al meglio, nell’ottica di una piena collaborazione istituzionale e nel segno di un rinnovato senso di responsabilità, nel segno del quale tutti gli attori devono essere capaci di apportare un loro contributo alla causa comune.
Leggi tutto...
 
Un piano d'azione chiaro per il futuro di Trieste
Trieste, 10 marzo 2011 - SEGNALAZIONE

Il programma amministrativo della Lega Nord per il quinquennio 2011-2016 non è quel libro dei sogni che alcune forze politiche esibiscono alla vigilia di ogni elezione, salvo poi dimenticarlo in un cassetto a partire dal giorno successivo al voto. Il nostro piano d’azione offre invece una visione nitida e soprattutto realistica di quella che potrà essere la Trieste del futuro. E per programmare in maniera adeguata il nostro avvenire, serve anzitutto intervenire sulla modalità di gestione degli enti pubblici: ricucire lo strappo tra politica e cittadini è dunque il primissimo passo verso l’attuazione di scelte condivise tra classe dirigente ed elettorato. Diventa così imprescindibile lavorare nella direzione di una maggior trasparenza, affinché i cittadini possano monitorare con costanza e proprietà l’operato dei rappresentanti pubblici nelle istituzioni. Ecco perché la Lega Nord ritiene fondamentale porre dei limiti per l’accesso agli incarichi, a partire dal divieto di cumulabilità fino all’introduzione dell'incompatibilità per tutte le persone con legami di parentela con amministratori pubblici. In questo modo si potranno liberare posti nelle Giunte e nei Cda di società controllate o partecipate, favorendo non solo un maggior ricambio generazionale ma anche una miglior selezione qualitativa dei candidati.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 Succ. > Fine >>

Pagina 56 di 57
Chiediamo il tuo contributo chiaro e trasparente per finanziare la grande battaglia federalista per la Libertà' della Padania!